Spiacenti, il click con il tasto destro non è disponibile.

Sesso pecoreccio?

Se badiamo al romanticismo la pecorina è una posizione animalesca. Lui e lei non stanno occhi negli occhi a baciarsi, è vero.

I pratici del godimento si beano invece della convinzione che sia un’ottima presa per una penetrazione profonda. Del resto proprio perché non abbiamo gli occhi dell’altro puntati addosso, alla pecorina ci lasciamo andare allo scopo, intensamente.

La verità sta nel mezzo. Sono le teste e i corpi a decidere quale libidine vivere.
All’uomo è concessa una veduta panoramica di tutto rispetto e un’eccellente postazione per infilare bene il piacere regalandone altrettanto e far lavorare sapientemente anche le mani. Alla donna, in apparenza vulnerabile e dominata, è permesso parecchio in termini di abboccamenti vaginali sul pisello.

Mica poco, no? Si tratta allora di arrivarci ben pronti in tempi e ritmo, capaci di sfoderare l’istinto ma anche abili a indirizzare quello altrui. Tutto facile?
Non proprio, se lei si accovaccia invece di mettersi ben fiera a quattro zampe o lui si limita a sparare la classica raffica di colpi al volo.

La pecorina può stimolare parecchio ma naturalmente che nessuno si illuda: la velocità forsennata garantisce un godimento solo a senso unico. La sintonia, come sempre, è tutto!

Dunque le mani, dicevamo, non sono lì a serrare i fianchi come le zampe del cane con la cagna, sono libere di aiutare e stuzzicare. Per dirlo meglio: hanno il dovere di farlo. Una pecorina che si rispetti, come tutte le beate posizioni del piacere, non è una filastrocca da recitare a memoria senza prendere fiato anzi…può essere felicemente interrotta da una sana leccata o da una bella masturbazione. Lui si calma, lei gioisce e al gran finale si arriva felici no?

Pecoreccio può pure fare rima con casereccio ma tutte le ciambelle sono buchi con tanta prelibatezza intorno e figo è quello che si gusta tutto.

3 thoughts on “Sesso pecoreccio?”

  1. Casereccio, come la pasta. E con lo stesso movimento afferrare, strizzare, schiaffeggiare le natiche.
    Lei può voltarsi e con uno sguardo rivelatore dare il via a tutte le strade, a tutti i tipi di stimolazioni.
    Ma se posso lasciarmi ad immaginarti, ti vedo al comando a guidare tu il pecoreccio! 😉

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.