Spiacenti, il click con il tasto destro non è disponibile.

Sesso in tacchi a spillo

Non c’è bisogno di venerare piedi e scarpe per lasciarsi sedurre dalla donna in tacchi a
spillo. Con buona pace di sneaker e ballerine, su una decolléte con tacco
vertiginoso e con un po’ di disinvoltura, la camminata si fa sinuosa e sensuale. E
volete che una certa andatura non sia invitante?

Del resto è pur vero che un tacco è un mondo, almeno nell’immaginario. Seduzione e
dominio, in un gioco erotico che Miss Black in “Venere in tacchi a spillo” conduce con
arrapante maestria.

Nelle notti dark, frustino e tacchi sono un’accoppiata vincente, impossibile negarlo.

Ma anche le donne magicamente immortalate da Helmut Newton in classiche calzature con tacco e calze a rete sono un trionfo di femminilità prorompente e accattivante.

Sembra che i tacchi predispongano, al sesso. Sarà per le movenze, sarà perché è una
scelta che richiama una fantasia nota, sarà perché mostrano una donna nell’esercizio
della sua arte di conquistatrice.

La brama degli uomini, talvolta più estrema altre volte meno esplosiva e impellente,
è spesso lì. In quel passo, in quelle gambe che si accavallano sui trampoli, in quello
stiletto che può camminare loro addosso o semplicemente sfilare, audace e
procace.

Comunque lo stesso feticismo del piede si spiega bene. Non facciamo sesso con i piedi
ma possiamo ispirarlo. Loro sono l’anticamera del piacere, una specie di punto erotico
che può essere oggetto di attrazione e eccitazione.

Non è neanche vero che il feticista del piede abbia un’anima da sottomesso. Per molti,
tanto etero che omosessuali, il desiderio e il piacere scatenato da estremità e calzature
non è che una delle tante intriganti espressioni della vivacità sessuale. Se vogliamo
cercare un’esasperazione, la troviamo solo in chi non conosce e non pratica altre forme di
appagamento.

Abbiatene dunque cura: mostrateli, muoveteli e vestiteli bene, i piedi. Sfoggiate il vostro
sfavillante tacco e lasciate che ci sia chi lo adora.

Il foot fetish è più diffuso di quel che si racconta. Sono in tanti ad amare annusarli,
massaggiarli, baciarli, leccarli e succhiarli. I piedi possono anche essere libidinosi
protagonisti di prodezze. Si va da carezze leggere fino al classico footjob. E poi ci
sono pratiche più intense come appunto il calpestamento (il trampling), o
decisamente da brivido come il ballbusting, cioè prendere letteralmente a calci le palle
del partner.

Donne, mi raccomando, non prendete il ballbusting per un sfogo! Siamo a un convegno di
amorosi sensi e quindi il fine resta il sottile gusto della libertà di godimento.

Se i puri vogliono il piede scalzo e vanno matti per i sandali infradito, ci sono gli ammiratori
incontenibili della scarpa: Mick Jagger vedeva “bestialmente sessuale!” un’altissima
scarpa di vernice nera ma i feticisti punk o sadomaso possono preferire stivaletti o
zeppe.

E se vi sparassero una parola come altocalcifilia? Bene, significherebbe indossare i tacchi
durante il rapporto sessuale.

Per finire, bisogna pure sfatare il mito che siano solo gli uomini a perdere la testa dietro
piedi e scarpe delle donne. Ci sono donne cui piace farsi stimolare dall’alluce
maschile, ad esempio. E poi c’è Madonna che pare abbia dichiarato una certa passione per i bei piedi da succhiare: sarà vero?

2 thoughts on “Sesso in tacchi a spillo”

  1. Il momento più commovente è quello in cui una donna si toglie le scarpe e rimpicciolisce improvvisamente davanti a noi. Diventa meravigliosamente minuscola, e allo stesso tempo il suo viso cambia. Essa inaugura l’intimità nella sua forma più seducente.
    (Jean Baudrillard)

  2. Sei fantastica, le tue storie catturano l’attenzione in modo molto particolare e raffinato.
    Helmut Newton, un mago del nudo femminile…erotismo e fotografia…capace nell’esaltare la femminilità e la sensualità. Tu saresti stata una modella perfetta per lui.
    Il sogno di incontrarti…vestita solo del tuo profumo preferito, autoreggenti e tacchi a spillo spero diventi presto realtà.
    Un mondo di baci…dove…dove…solo tu puoi sapere dove!

Lascia un commento