Spiacenti, il click con il tasto destro non è disponibile.

La serata del BUTT PLUG

C’è chi prima di uscire si infila al collo un foulard e chi si infila nel culo un butt plug. Io mi colloco nella seconda categoria: coniugo sempre l’eleganza al piacere.

A qualcuno sfugge ancora cosa sia?

Si dice butt plug il dilatatore anale. Vogliamo chiamarlo dildo? Un accessorio unisex che in prima battuta può servire come preparatore al sesso anale e poi diventa un amico, un compagno di viaggio.

Un toy disponibile in vari modelli, misure e materiali. Garbato e stimolante. Anzi, in alcune versioni decisamente conturbante. Lubrifichi, inserisci l’aggeggio e via. In casa o per strada lui è lì, con te. È un po’ come tenersi in allenamento, pronti al piacere che prima o poi arriva. Cammini, chiacchieri, ammicchi e il tuo amichetto se ne sta lì e tiene in caldo l’eccitazione. Lo puoi scegliere ad alte prestazioni, super figo e chic.

Vuoi che vibri? Basta una app e lo azioni dallo smartphone. Anzi, cara amica, il comando dallo a lui. Te ne sarà grato, gliene sarai grata.

Tu chiamale se vuoi…emozioni.

Le emozioni mie al ristorante con il butt plug in posizione, lui che domina smanettando a piacimento sul cellulare facendomi sussultare e il cameriere in attesa della mia comanda. Questo gioco, sottile, complice o selvaggio, è di una sensualità da brivido bollente. Intrigante, divertente, arrapante.

D’altra parte posso anche tacere, invece di sussurrare la chiave della app. Tacere e riservare la sorpresa al dopo cena. Vuoi mettere la libidine nel maschio quando scopre che a tavola con lui in amabile o erotica conversazione godevo di un bel butt plug?

Il butt plug insomma non può mancare nel kit vitale di chi ha pensieri carnali profondi e frizzanti.  Sono invece pregate di astenersi anime chete e prive di fantasia.

 

 

 

5 thoughts on “La serata del BUTT PLUG”

  1. Grande Key!
    Con l’indispensabile consenso della Signora, avere un tale piacere è stordente. Già in una camera da letto è una visione eccitante, ma immaginarla e viverla in pubblico, mentre al tavolo o, perché no, in una riunione di lavoro si decide di far godere la propria compagna – all’insaputa del pubblico, ma non tanto nascosto…
    Io solo a leggerti ho avuto un erezione!
    Che Coach!

  2. Grazie Serena. Le tue fantasie mi eccitano, ma soprattutto sviluppano la libertà più piena di pensare ma anche di dare corso a tutto questo. Sinceramente, tutto questo lo vorrei provare con te, straordinaria coach.

  3. Ricordo la “scoperta” fattami molto molto sorpreso e poi molto molto eccitato e poi molto molto invidioso perché quel posto era mio😂😂😂😂

Lascia un commento