Spiacenti, il click con il tasto destro non è disponibile.

Kinky sex o vanilla sex?

Rivoluzionari o tradizionalisti?

La partita tra kinky sex e vanilla sex si gioca sul confine della trasgressione. Audaci, curiosi, vogliosi e viziosi si arrapano con la sessualità alternativa; classici, tiepidi e timorosi si accomodano in una vita sessuale standard.

Qual è l’origine di kinky e vanilla?

Kinky boots sono gli stivali usati dalle Drag Queen, vanilla deve la sua ispirazione al gelato alla vaniglia quindi al gusto tranquillo e basic per eccellenza.

Ricordiamo sempre che la scena del vibratore Rabbit di Sex & The City fece impennare i pruriti e la smania dell’ebbrezza: la Vibratez, azienda produttrice del vibratore originale, dichiarò di aver visto schizzare le vendite annuali del 700% negli anni che seguirono la messa in onda di quella mitica puntata.

Questo ci insegna che abbiamo un vorace bisogno di stimoli. Vedere un vibratore e i suoi portentosi effetti equivale a una scarica che attiva tutte le fantasie possibili.

Del resto ci conferma anche che c’è chi le fantasie le ha perennemente accese e non ha bisogno di film o tendenze che sdoganino una pratica.

Il sesso vaniglia è l’erotismo convenzionale.

Dobbiamo però capire anche cosa e perché, intendiamo convenzionale. C’è chi giudica già spinto il sesso orale o il sesso anale. C’è chi colloca sopra le righe il BDSM. E c’è chi trova out solo alcune pratiche (magari il sesso con animali o certe formule fetish).

Questione di testa e cultura. I primi organi genitali, impossibile non ribadirlo, sono i nostri pensieri. Le persone cui piace l’esperienza hot, apprezzano ben oltre 50 sfumature di letteratura allettante. Sono esploratori di sensazioni forti, lingue a caccia di emozioni più saporite di un gelato alla vaniglia da leccare. Hanno un cervello fervido che produce stimoli e desideri a raffica.

In effetti l’anima kinky non è mai sazia di orgasmi fisici e mentali. Ha una visione larga, della libidine. L’anima vanilla è un missionario dell’abitudine, un pantofolaio dell’eros. Uno che non esce mai dalla gallery delle espressioni canoniche.

La distinzione d’altra parte è sovente relegata all’attività reale. Quella onirica è molto più hard, più o meno per tutti. Il punto insomma è che c’è chi fotte e chi si fa fottere da paure e condizionamenti.

Il concetto di proibito e di trasgressione, in effetti, è legato a qualche diktat, non certo alla nostra inquieta natura di golosi della vita. Lui sopra e lei sotto, inchiodati al letto come ombelico del mondo, per rappresentare l’estasi della carnalità, è francamente piuttosto scoraggiante. Il kinky sex ha più frecce al suo arco e ti scombina le ore, i capelli, gli umori e i pudori.

Non è la ricerca del sesso estremo, intendiamoci, a stuzzicare le parti intime dei free sex lovers. È la sensualità nuda e profonda della libertà di godere.

Potete divertirvi, se pur non vi sentite attratti da bondage e dintorni. Chi si è perso il film di Carlo Verdone in cui alla domanda di Jessica (E come ‘o famo?), Ivano risponde «’O famo strano!»?

Farlo strano è diventato un modo perfetto di intendersi. Il sesso non è una passeggiata mano nella mano senza sensi in subbuglio, è temporale e arcobaleno.

A me interessa quindi poco che voi scegliate una posizione vanilla o vi avventuriate con lo spanking nel kinky sex, curo che penetriate il sesso come il sesso può penetrare voi.

«Più che il senso dell’orientamento, vanto il senso del godimento».

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.